Grayson Capps

Il punto di forza di uno come Grayson Capps è la certezza assoluta del fatto che da lui avrai sempre la verità. Quella verità a volte scomoda, a volta grottesca e divertente, a volte radicalmente “americana” che si appropria delle sue canzoni, bellissime e sincere, in cui ti innamori dei loro protagonisti, talmente antiestetici e talmente scorretti da essere teoricamente le ultime persone di cui appunto innamorarsi. Persone sovrappeso, con tatuaggi inguardabili, oppure solo talmente distratte da spegnere un mozzicone sul sedile di un auto finché questa non prende fuoco, e poi polvere, whiskey, catapecchie, la più veritiera identità della parola “rurale” scritta e cantata dalla mente di un gigante dell’Alabama, legato a doppio filo alla New Orleans delle periferie decadenti e semidistrutte dalla furia di Katryna e dalle acque strabordanti del Lago Pontchartrain. Tutto questo rende Grayson un personaggio unico, figura emblematica e cantastorie sopraffino, autore di quella “A Love Song for Bobby Long” che chiudeva l’omonimo film con John Travolta e Scarlett Johansson, tratto dal romanzo del padre Everett. Ormai popolarissimo in Italia, Grayson inaugurerà nel tour che iniziera' il 16 a Cantu' un’inedita formazione in trio, che vedrà l’amico “nostrano” J. Sintoni alla chitarra elettrica, e il fido compagno di “highways americane” Corky Hughes al basso. Storie di vita vera, selvaggia, tra l’Alabama e New Orleans, che si fondono in uno show di oltre due ore fatto di grande musica, aneddoti spassosi, racconti ai limiti dell’assurdo nelle esistenze di personaggi estremi, figli di una realtà tra il grottesco e il radicale. Ascoltarlo dal vivo sara' inoltre l'occasione per ascoltare in antemprima dal vivo i brani del suo nuovo album Scarlett Roses in uscita il 13 Novembre per l'Appaloosa Records !